Autore Topic: Le ali della FENICE - II  (Letto 2102 volte)

Shockwave

  • Immortale
  • *
  • Post: 6629
  • Karma: 16
Le ali della FENICE - II
« il: Aprile 04, 2010, 08:17:42 pm »
4. L'Alleanza sopra le scale.

L'attività degli abitanti di Stormwind, continua e frenetica, consumava visibilmente le energie delle persone. Dopo le luci del tramonto infatti le strade risultavano molto spopolate rispetto alla giornata, quasi deserte. Piccoli gruppi di persone che parlavano del passato ricordando le proprie gesta, o presunte tali, di gioventù. Qualche coppia di innamorati seduti in prossimità della grande fontana all'ingresso della cattedrale. Le immancabili pattuglie della milizia che garantivano la sicurezza della città.

Poco altro si avventurava per le vie illuminate dal chiaro di luna e dalle lanterne. Tutta la città si apprestava a riposare e recuperare le energie per la giornata successiva....a dire il vero, non proprio tutta la città. Il quartiere dei Nani sembrava non seguire quella regola.

La musica, le risate e gli schiamazzi si potevano udire già dai quartieri adiacenti. Le strade piene di luce e persone intente a sfidarsi a gare di resistenza alla birra...che sfociavano buone volte in scazzottate più o meno amichevoli.

La locanda Pig and Whistle si trovava sul confine tra il quartiere dei Nani e la città vecchia. Davanti all'ingresso, due nani ridevano e si tenevano sotto braccio parlando nella loro gutturale lingua natia. All'arrivo dei due cacciatori e dei loro compagni, uno dei nani si avvicinò a Fang e con un grosso sorriso cercò di abbracciare il predatore. - Rinoma!! Rinoma!! - che in lingua nanica significa gattino, gridò a gran voce il nano. In risposta ottenne il ruggito ed uno scatto muscolare di Fang che fece bella mostra di zanne ed artigli. In men che non si dica il nano si ritrovò con il fondoschiena per terra ed indietreggiando su mani e talloni, si riavvicinò all'amico che rideva tenendo entrambe le mani sull'addome.

In quell'istante, dall'interno del locale, uscì Sarya. - Ah, siete arrivati amici! Bene, sono contenta. Prego entrate - e con la mano sinistra fece un ampio cenno d'invito - il resto del gruppo è ai tavoli del primo piano. -

La locanda presentava un grosso bancone centrale posto esattamente di fronte all'ingresso. Nello spazio antistante erano presenti tavoli e sedie per gli avventori mentre due grandi rampe di scale portavano al primo piano dove si potevano scorgere altri tavoli e persone.
- Seguitemi perfavore - disse la sacerdotessa - desiderate bere qualcosa? La birra di malto qui è davvero buona, i nani sono dei maestri!! -
- Grazie Sarya, ne prendiamo due - rispose Meushi.
- Iniziate a salire allora, vi raggiungo fra breve con le vostre birre. -

I due elfi salirono dalla rampa di destra fino al primo piano. Frasi concitate e risa arrivavano da quel piano, ma la prima cosa che catturò la loro attenzione furono tre orsi. Le bestie, due di colore grigio scuro ed una marrone, erano sedute a triangolo ed i loro sguardi continuavano ad incrociarsi come se fosse in corso fra di loro una discussione.

Due delle tre creature voltrono il proprio sguardo subito verso i nuovi arrivati ed iniziarono ad alzarsi ed avvicinarsi a loro. I due felini si misero subito sulla difensiva. Come se si fossero dati un messaggio in un loro linguaggio, all'unisono furono con i muscoli delle zampe anteriori tesi, quelli delle posteriori contratti e pronti a balzare.

I fatti si susseguirono in un lampo ma, ai partecipanti, la scena parve svolgersi al rallentatore.

I due orsi, dopo qualche passo fatto sulle quattro zampe si alzarono solo sulle posteriori imponendosi con tutta la loro altezza. Meushi stava per sfoderare le doppie spade che portava con sé, valutò che era troppo vicina agli avversari per poter tirare d'arco.
Deatharrow aveva messo mano ad una delle sue trappole pronto a scagliarla verso il nemico. Fu allora che si rese conto che gli orsi sembravano d'un tratto meno alti e meno corpulenti di prima...anzi osservandoli bene, la loro statura stava diminuendo!!! Ed anche la corporatura stava cambiando: il muso si stava lentamente schiacicando, le zanne rientravano, le zampe si ritraevano e prendevano una forma simile ad una mano umanoide. Poi d'un tratto, in uno sbuffo di fumo, gli orsi scomparvero ed al loro posto due elfi della notte, una maschio ed una femmina, apparirono.

- Benarrivati amici - disse la femmina - non volevamo spaventare voi ed i vostri compagni. Il mio nome è Jendevis e lui è Manwe. - Quest'ultimo salutò alzando la mano destra e sfoggiando un gran sorriso.

I due cacciatori visibilmente sollevati, tolsero le mani da armi e trappole. I compagni felini invece restarono sulla loro posizione difensiva.

- Mmm - disse Manwe - sembra che due dei nostri nuovi amici non siano ancora a proprio agio - e si accucciò tendendo una mano verso Azalin. Nel contempo anche Jendevis si accovacciò e, poggiando le mani sul pavimento, iniziò ad emettere un suono molto simile a quello di un ruggito. L'istante successivo, sempre dopo uno sbuffo di fumo, i felini che si fronteggiavano erano diventati quattro. Due pantere nere si trovavano sedute di fronte ad Azalin e Fang che, dopo un primo momento di sopresa, sembrarono subito tranquillizzati. Si sedettero infatti di fronte alle pantere ed anche i loro sguardi iniziarono ad incrociarsi, come succedeva poco prima con il terzo orso.

Una voce giunse dalle spalle dei due cacciatori che trasalirono - Vedo che i nostri druidi hanno fatto gli onori di casa. - disse Sarya porgendo le birre ai due cacciatori. - Non preoccupatevi per i vostri compagni, ora resteranno a parlare nella loro lingua con Jen e Manwe per un pò, prego accomodatevi. -

La stanza racchiudeva nel suo piccolo uno spettacolo a cui i due elfi non erano abituati. Rappresentanti di tutte le cinque razze dell'Allenaza che ridevano e scherzavano fra loro. Durante i loro viaggi avevano già incontrato le singole razze, ma in nessuna occasione le avevano ritrovate tutte quante all'interno di uno spazio così esiguo.

Gli elfi si sedettero ad un tavolo dove un umano ed un draenei stavano giocando ad una specie di dama...solo che la scacchiera e le pedine erano traslucide, fluttuavano sul tavolo e nessuno dei due giocatori stava toccandole per spostarle. - Prego amici, sedetevi - disse l'umano - permettete che mi presenti, mi chiamo Deathspike, maestro dell'arcano e gran giocatore di dama dei Maghi. -
- Sul discorso Arcano non metto voce, ma sulla dama... - disse il draenei prima che una sua pedina ne mangiasse due dell'umano - ...ho vinto. -
- Molto piacere mi chiamo Occult - disse poi rivolgendo un gran sorriso ai due nuovi arrivati.
- Piacere - rispose l'elfa - i nostri nomi sono Meushi e Deatharrow, arriviamo da Shadowglen, un piccolo villaggio vicino a Darnassus. -
- Ah...la capitale degli Elfi della notte...è passato tantissimo tempo da quando ho visitato il Tempio della Luna ma ho dei bellissimi ricordi legati ad esso! -
Il mago umano non stava prendendo parte a quella discussione in quanto ancora attonito di fonte alla scacchiera che non presentava nemmeno più un pezzo della sua "armata".

Il resto dei tavoli era occupato da altre persone che parlavano e ridevano. La giovialità di quel gruppo era davvero contagiosa ed i nuovi arrivati si trovarono ben presto a proprio agio.

- Amici - disse Sarya alzandosi in piedi - mi dispiace interrompere i vostri discorsi ma è il momento di parlare di affari. -
Le persone rivolsero la loro attenzione alla sacerdotessa ed il silenzio in poco tempo scese nella sala.
- Grazie amici. Prima di tutto vorrei presentare due nuovi membri che da oggi entrano a far parte della FENICE, sono due cacciatori arrivati da poco a Stormwind ma che subito hanno dato prova della loro abilità: Meushi e Deatharrow. - Un coro di benvenuto si levò dai tavoli.
Un nano con affianco l'orso protagonista del primo incontro, dal fondo della sala si alzò in piedi ed alzando uno dei, tanti, boccali di birra di fronte a sé disse - Finalmente qualcuno che capirà di cosa parlo!! Senza offesa Momor... -
Uno scroscio di risate accompagnò quella battuta.
- Grazie Thorrin - rispose un elfo della notte seduto ad un tavolo poco distante. Al suo fianco sedeva un lupo dagli occhi color del ghiaccio.

- Bene - riprese Sarya - passiamo alle presentazioni del resto del gruppo. Avremo tempo per poterci conoscere più a fondo ma è giusto che ci presentiamo. Direi di procedere per ruoli rendendo un pò meno caotica la questione. Iniziamo dai guerrieri del gruppo Banedon, Ciliegia e Wolborg. - un umano in armatura si alzò e salutò - Benvenuti amici! - una gnoma si alò in piedi sulla sedia e replicò il saluto. L'elfo della notte in armatura fece un cenno della testa e disse - Che Elune sia con voi fratelli. -

- Proseguiamo con, come li chiamo io, i Signori delle Tenebre: Cassiopea, Halliwell ed Elenid. - da un tavolo all'angolo della stanza tre umani, due donne d un uomo, salutarono con cenni del capo senza proferire parola. A voler ben guardare sembrava che l'atmosfera in quell'angolo fosse più tetra e che i colori di tutte le cose non fossero così vividi come normalmente sarebbero dovuti essere.

- Il gruppo dei cacciatori l'avete già intravisto: Momor e Thorrin. - il nano balzò io piedi sul tavolo ed alzando i pugni al cielo gridò - Woooooo hooooo!! -        N

- Per la magia - riprese Sarya soffocando con poco successo una risata per il comportamento estroso del nano - ci rivolgiamo con fiducia a Deathspike ed Occult. - I compagni di tavolo dei due cacciatori sorrisero.

- Quando invece muoversi nell'ombra ed agire con discrezione è necessario, Jelanda e Laren entrano in gioco. - una femmina umana ed un'elfa della notte alzarono gli occhi dai dadi con cui stavano giocherellando e salutarono.

- Arriviamo dunque al gremito gruppo dei difensori della Luce Sacra: Kiriany, Numenor, Palladio e Shieed. - quattro umani, una donna ed tre uomini, in armatura salutarono.

- Ed infine il reparto dei sacerdoti annovera tra le sue fila Rambosso e la sottoscritta. - un umano seduto a fianco di Sarya disse - Benvenuti amici! -

- Ora che le presentazioni sono fatte giungiamo al vero motivo del nostro incontro. - dicendo questo Sarya battè entrambe le mani sul tavolo di legno e guardò intensamente il resto del gruppo.

- Chi di voi ha mai ucciso un drago millenario?!? -

MARVA

  • Visitatore
Re:Le ali della FENICE - II
« Risposta #1 il: Settembre 24, 2012, 12:36:30 pm »
Cioè... cioè...

Jendevis l'hai messa a giocare coi gatti anche qui???

 :gatto:

Shockwave

  • Immortale
  • *
  • Post: 6629
  • Karma: 16
Re:Le ali della FENICE - II
« Risposta #2 il: Settembre 24, 2012, 01:17:44 pm »
Cioè... cioè...

Jendevis l'hai messa a giocare coi gatti anche qui???

 :gatto:
Modestamente.... ^-^